Condividi

 
Attenzione! ATTENZIONE!

Quando clicchi sul pulsante "Ordina Ora" potrebbe non aprirsi la pagina con il riepilogo dei dati del libro scelto: questo dipende dal fatto che sul tuo pc non installato un client di posta. Quindi, per completare l'ordine, devi inviare una email a: ordini@tulliopironti.it con i tuoi dati e quelli del libro scelto.
 

DENTRO LA VITA

DENTRO LA VITA

Prefazione di Esther Basile

«Non posso vedere ma posso guardarti […]».


Flora Caruso
Formato:Formato 140 x 210
Pagine 292
978-88-7937-708-9
€ 12,00


«Il profumo del giallo oro del frumento; quello rosso delle ciliegie e quello ocra delle albicocche; il profumo verde chiaro, con il profumo verde scuro, interrotto a tratti dal bianco profumato delle praticelle e, lì dove c’era la villetta del commendatore, il profumo rosso spinoso delle rose…».
È il mondo a colori che racconta Flora, la cui infanzia felice sarà brutalmente interrotta dal sopraggiungere nefasto e inesorabile della cecità – una grave retinopatia congenita, che riempirà gradualmente la sua vita di ombre – e da una violenza sessuale subita nel corso dell’adolescenza, che la farà scivolare in un baratro fatto di una doppia oscurità.
Flora, consapevole del progressivo declino verso il buio, inizia così una spasmodica corsa contro il tempo, che la porterà ad accumulare quante più esperienze possibili prima di perdere completamente la vista: due figli, tre mariti, tante amiche, viaggi, sport, attività nel sociale, ma anche conviventi violenti e truffatori. Tutto in meno di venti anni.
Un’ubriacatura di vita, che la porterà finanche a sfiorare la farmacodipendenza, in un viaggio – dall’eccesso alla redenzione – destinato a farsi ricordare.

«Miettete paura de’ signat’ ‘a Dio», si dice a Napoli.
Temete quanti sono stati colpiti dalla punizione del Signore…
In una città inondata di luce, ma anche di luoghi comuni, pregiudizi e facile commiserazione, Flora non si perde d’animo e va avanti, animata da una “fiducia cieca” nel mondo e negli uomini.

Snocciolando la sua storia attraverso fotogrammi pungenti, cronache intime e precise, Flora Caruso conquista da subito il lettore. Con una scrittura fresca e colloquiale, straordinariamente limpida, racconta il mondo di chi ha attraversato la linea d’ombra che dalla luce porta al buio.

Flora Caruso è nata nel 1957 a Napoli, città in cui vive.
Intraprendente, determinata, amante della bellezza e dell’eleganza, ha due figli ed è divorziata.
Ha frequentato le scuole per normodotati fino al sopraggiungere della cecità, che l’ha indotta ad accettare il braille, grazie al quale ha riscoperto il piacere di leggere.
Consigliere nel gruppo dirigenziale dell’“Unione Italiana Ciechi”, svolge attività nelle commissioni “Sport e tempo libero”, “Pari opportunità”, “Bambini pluriminorati ciechi” presso l’istituto “Beato Ludovico da Casoria” di Assisi.
Presidente del gruppo sportivo “G. Fucà”, ha giocato a torball, ha partecipato al Giro d’Italia in tandem e ha gareggiato nello sci, ottenendo nel 1992 una medaglia d’oro nella competizione italiana nazionale di G e Super-G.
Ha insegnato estetica e moda a donne non vedenti, è stata impegnata politicamente nel Consiglio comunale di Napoli, dove si è occupata di Politiche sociali, ha condotto alla radio una rubrica dedicata ai problemi dei non vedenti. Ha avuto infine una breve esperienza alla Rai come regista personal coach di Serena Rossi, attrice della soap opera Un posto al sole.


lascia un commento
blog comments powered by Disqus