Condividi

 
Attenzione! ATTENZIONE!

Quando clicchi sul pulsante "Ordina Ora" potrebbe non aprirsi la pagina con il riepilogo dei dati del libro scelto: questo dipende dal fatto che sul tuo pc non Ŕ installato un client di posta. Quindi, per completare l'ordine, devi inviare una email a: ordini@tulliopironti.it con i tuoi dati e quelli del libro scelto.
 

FUOCO AI QUARTIERI SPAGNOLI

FUOCO AI QUARTIERI SPAGNOLI

Uno studente napoletano, esponente di un gruppo sovversivo, si rifugia a Parigi nei primi anni Ottanta per non essere definitivamente trascinato nella lotta armata. Torna nella sua città dopo venticinque anni, ossessionato dal mito del fuoco come forza purificatrice, forse anche rigeneratrice.


Attilio Belli
Formato:14x21
Pagg.174
978-88-7937-514-6
€ 12,00


Riguardare Napoli dopo tanto tempo si rivela un esercizio doloroso: fatica a riconoscersi in una realtà profondamente in crisi, nei diseredati, suoi vecchi riferimenti, e inciampa in una serie di individui ben più determinati di lui - terroristi islamici, camorristi, costruttori senza scrupoli, ultrà, esponenti dei centri sociali, ragazze spregiudicate - che il fuoco lo vogliono sul serio. Nella città s'incrociano emozioni tristi e forme di violenza molto diverse tra loro e fuori controllo.

Deve accettare amaramente che proporsi come badante della propria città, ricorrendo al fuoco, è molto più difficile che farlo con cura per un vecchio aristocratico, diversamente abile. Il fuoco che avanza gli sembra un fuoco senz'anima. E la distanza con il nuovo terrorismo dilagante gli appare incommensurabile. I libri finiscono per diventare l'unica salvezza, ma anche una prigione invalicabile.

Attilio Belli, è urbanista e professore ordinario di Urbanistica presso la facoltà di Urbanistica dell'Università Federico II di Napoli.

Ha pubblicato diversi volumi, tra cui: Città come sistema, 1970; Potere e territorio nel Mezzogiorno d'Italia, 1979; Il labirinto e l'eresia, 1986; Immagini e concetti nel piano, 1996; Come valore d'ombra, 2004; Non è così facile, 2008.
È la prima volta che si misura con la narrativa.


lascia un commento
blog comments powered by Disqus