Condividi

 

Solitudini che si sfiorano, se la vita Ŕ come la sabbia

sabato 07 aprile 2012

Solitudini che si sfiorano, se la vita Ŕ come la sabbia

sabato 07 aprile 2012
LA STAGIONE DELLE SABBIE

Dal Giornale del Popolo
Una distesa di sabbia appare come qualcosa di omogeneo, ma è costituita in realtà da una quantità immensa di granelli. I granelli si sovrappongono,si mischiano, si toccano mossi dal vento o dal passaggio di qualche animale.

A volte dell’uomo. Ogni granello resta sempre isolato, non si compenetra con gli altri, non si scioglie per diventare qualcosa di davvero unito, come avviene quando si mischiano l’acqua e il vino. La sabbia è una sterminata quantità di piccole solitudini che possono solo sfiorarsi. Anche la vita è un insieme di frammenti, innumerevoli schegge che in gran parte dimentichiamo, che non ricordiamo nemmeno di aver vissuto, ma che si accumulano dentro l’animo di ciascuno senza andare perduti e diventano una parte del materiale da cui siamo costituiti.leggi tutto